Fratoianni: "Quando si parla di tassare i ricchi Forza Italia si agita subito"

L'esponente di Sinistra Italiana-Leu replica alla destra: "Ma se il loro capo dalla villa in Francia e tanti miliardari contribuissero con un piccolissimo prelievo al rischiererebbero davvero la fame?"

Fratoianni

Fratoianni

globalist 4 aprile 2020

A destra amano dire “prima gli italiani”. Ma che si nasconde dietro questa frase? Un bellissimo alibi.


Ossia dare la colpa agli stranieri dei disastri sociali e delle diseguaglianze che crescono sempre di più facendo dimenticare le politiche liberiste, le privatizzazioni selvagge che aumentano la ricchezza dei ricchi e aumentano il divario con i poveri, condoni fiscali o edilizi che premiano furbi e evasori che si fanno i loro affari alla faccia della collettività e proposte come la flax tax che con la scusa dell’abbassamento delle tasse (ma poi chi paga i servizi?) favoriscono ancora una volta i ricchi.
“Vedo che alla frase “tassazione grandi ricchezze in solidarietà con gli italiani ” molti esponenti di Forza Italia si sono alquanto agitati e reagiscono con una raffica di dichiarazioni. Ma se il loro capo dalla villa in Francia,  e con lui i tanti miliardari che abbiamo in Italia contribuissero con un piccolissimo prelievo al loro patrimonio per dare una mano agli italiani, rischiererebbero davvero la fame ?“
Cosi Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana-Leu replica alle parole degli esponenti di FI.
“Suvvia siamo seri - conclude Fratoianni - e non lanciamo campagne fantasiose ed allarmistiche sui risparmi di tanti italiani che nessuno vuole toccare per difendere i grandi privilegi di pochi.”