Salvini scrive a Conte e chiede la free tax zone per le aree contagiate

Capitan Nutella dopo aver speculato sull'epidemia ha deciso di cambiare linea anche dopo il calo registrato nei sondaggi

Salvini e Conte

Salvini e Conte

globalist 25 febbraio 2020

Mesi di gelo dopo lo strappo di agosto fino alle polemiche delle ultime ore sul caso Coronavirus, ma oggi Matteo Salvini 'addolcisce' i toni con il presidente del consiglio Giuseppe Conte. Nella lettera con le proposte della Lega, pubblicata su Fb e preceduta da una telefonata, il premier viene definito, sia all'inizio che alla fine, 'caro presidente' dal leader leghista.


"Il mondo, caro Presidente, -conclude Salvini nella lettera a Conte- ci guarda: sono sicuro che l'Italia - se agiremo con coraggio e buonsenso - saprà rialzarsi più forte di prima. Buon lavoro. Matteo Salvini".


La lettera


"E' importante, fin da ora, prevedere un periodo di Free Tax Zone per tutte le aree maggiormente interessate dalle ricadute economiche negative che non sono esclusivamente le zone rosse: tale provvedimento servirà per agevolare la ripresa economica al termine dell'emergenza". Si legge nella lettera di Matteo Salvini al premier Giuseppe Conte pubblicata su Fb dal leader della Lega.


"Ti segnalo che si rendono necessari e urgenti provvedimenti di ristoro economico a favore del sistema turistico nazionale e delle attività culturali (teatri, cinema, musei) fortemente compromessi dalle notizie allarmanti che circolano non solo a livello nazionale ma anche internazionale sul pericolo di contagio in Italia. E' altresì necessario un impegno concreto per supportare la produzione agricola, pesantemente danneggiata in tutta la sua filiera".


"Ti faccio presente che le iniziative di sospensione degli adempimenti fiscali messe in campo dal Tuo governo esclusivamente per le 'zone rosse' non sono assolutamente sufficienti: Ti chiedo di valutare un immediato provvedimento non di sospensione ma di esonero dal pagamento di tutti gli oneri previdenziali e dei tributi a carico delle attività produttive danneggiate dall'emergenza".


Da non dimenticare, inoltre, le ricadute sull'economia domestica delle famiglie e in particolare -prosegue Salvini- relativamente alla sospensione delle attività scolastiche. Faccio riferimento sia all'esigenza di aiutare i genitori che lavorano e sono costretti ad affidarsi a terze persone (con relativo esborso economico), sia alla necessità di garantire il completo ed efficace svolgimento del programma didattico.


"RingraziandoTi per l'attenzione, Ti assicuro fin d'ora il nostro pieno sostegno a tutte queste iniziative concrete se il Governo deciderà di attuarle".


"E' importante non sottovalutare la portata delle ricadute economiche negative generate dall'emergenza, così come accaduto per le fasi iniziali del contagio, e agire tempestivamente per mettere in campo tutto quanto un importante Paese come l'Italia è in grado di fare per supportare le proprie imprese e i propri cittadini".