Salvini dimentica quand'era ministro: "Al governo si stanno scannando..."

Il capo leghista fa un po' di propaganda: "Quando andrà a casa questo governo, unito solo dall'odio nei confronti miei e della Lega, tanto meglio per tutti"

Matteo Salvini

Matteo Salvini

globalist 19 febbraio 2020

Magari dimentica i belli (anzi brutti) tempi del governo gialloverde che a litigiosità non era da meno di quello attuale.

Ma per Capitan Nutella l'importante è dare la colpa a qualcuno, basta che questo qualcuno non si chiami Savoini, allora il tono cambia.
Al governo "si stanno scannando, è frustrante. Sono stufo io, figuriamoci gli italiani. Conte contro Renzi, Renzi contro Conte, Conte e Zingaretti contro Renzi, pezzi di M5s contro pezzi di M5s, ieri c'è stato anche il litigo Sardine-centri sociali. E' surreale".


Lo ha detto Matteo Salvini in una diretta su Facebook. Cosa poi c'entrino le Sardine con i Centri Sociali non lo sa nessuno, ma nella strategia del capo della Lega l'importante è alzare polveroni confidando nei beoti che gli danno retta.
"Mentre loro litigano io cosa faccio? Ascolto, incontro, raccolgo proposte e soluzioni. Tanto al governo, sarà qualche settimana, mese, un anno, ci torniamo e vogliamo tornarci pronti, compatti, coesi, coerenti con una grande squadra", ha aggiunto il leader della Lega.
"Quando andrà a casa questo governo, unito solo dall'odio nei confronti miei e della Lega, tanto meglio per tutti. Mi voglio far trovare pronto, stiamo ascoltando, c'è una marea di gente che si sta avvicinando alla Lega per partecipare, candidarsi. Grazie", ha detto ancora Salvini.