Zingaretti alza i toni: "Salvini è un arrogante alla ricerca dell'impunità"

Il segretario del Pd interpellato sulla volontà di uno slittamento sul caso Gregoretti a dopo le regionali_ "Il segretario della Lega è abituato a strumentalizzare tutto"

Il segretario del Pd Nicola Zingaretti

Il segretario del Pd Nicola Zingaretti

globalist 10 gennaio 2020

Anche il mite Zingaretti ha deciso di alzare i toni: "La mia è una critica politica: Salvini è una personalità arrogante con gli avversari e spesso alla ricerca dell'impunita' che grazie al potere che ha usa con troppa disinvoltura".



Lo ha detto il segretario nazionale del Pd Nicola Zingaretti interpellato sulla volontà di uno slittamento sul caso Gregoretti a dopo le regionali, per evitare eventuali riflessi sul voto.
"Salvini è abituato a strumentalizzare tutto, quindi avremmo fondati motivi" ha aggiunto Zingaretti. "Però in questo caso siamo in una posizione che ritengo corretta: nessuna discriminazione e però neanche nessuna richiesta di impunità come a volte invece Salvini ha preteso. Penso - ha detto ancora Zingaretti - che sia una vergogna ancora non sanata che il ministro degli Interni della Repubblica italiana si sia rifiutato di andare di fronte al Parlamento a spiegare il suo punto di vista sul Russiagate: era ministro degli Interni, l'uomo che aveva in mano la sicurezza degli italiani, aveva il dovere di dire quello che sapeva, che pensava. A me invece - ha concluso Zingaretti - ha molto colpito che si è rifiutato di andare di fronte al Parlamento".