Top

Commissione banche, M5s vuole Lannutti, quello che parlò del complotto ebraico sulla finanza

Elio Lannutti aveva condiviso una delle bufale più longeve della storia, quella dei 'Protocolli dei Savi Anziani di Sion', dando tutta l'aria di crederci seriamente

Elio Lannutti
Elio Lannutti

globalist

5 Dicembre 2019 - 20.30


Preroll

La Commissione banche dovrebbe partire prima di Natale, il prossimo 19 dicembre, come comunicato da Roberto Calderoli, membro della stessa commissione e presidente di turno del Senato. 
Per quanto riguarda la presidenza, il nome di Gianluigi Paragone – che a lungo ci aveva sperato – è saltato e adesso si fa sempre più insistente il nome di Elio Lannutti. E partono ovviamente le polemiche, non solo politiche ma soprattutto ‘morali’. Perché Elio Lannutti è lo stesso senatore M5s che aveva dichiarato che dietro il sistema bancario internazionale ci sono le macchinazioni dei Savi di Sion: “con Mayer Amschel Rothschild, l’abile fondatore della famosa dinastia che ancora oggi controlla il Sistema Bancario Internazionale, portò alla creazione di un manifesto: “I Protocolli dei Savi di Sion”». Suddiviso in 24 paragrafi, viene descritto come soggiogare e dominare il mondo con l’aiuto del sistema economico, oggi del globalismo, dei banchieri di affari e finanza criminal” aveva scritto su un post – poi rimosso – lo scorso 21 gennaio.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Quella del Protocollo dei savi anziani di Sion è la più longeva fake news della storia e la sua genesi l’avevamo raccontata qui. 
Come si fa a proporre alla guida della Commissione Banche un personaggio che aveva dato per buona una notizia falsa così pericolosa da essere stata addirittura utilizzata dai teorici del nazismo per giustificare la soluzione finale? 

Middle placement Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage