Sconfitta in Umbria: sotto accusa l'alleanza Giallorossa

Zingaretti: "Organizzeremo l’opposizione in Consiglio regionale e nella società per contrastare questa deriva”.

Zingaretti

Zingaretti

globalist 28 ottobre 2019
“La sconfitta alla Regione Umbria dell’alleanza intorno a Vincenzo Bianconi è netta e conferma una tendenza negativa del centrosinistra consolidata in questi anni in molti grandi Comuni umbri che non si è riusciti a ribaltare.
Il risultato intorno a Bianconi conferma, malgrado scissioni e disimpegni, il consenso delle forze che hanno dato vita all’alleanza. Ringrazio Vincenzo Bianconi per la sua generosità, per essersi messo a disposizione negli ultimi giorni utili e a tutti gli elettori e i militanti che si sono battuti in una condizione difficile se non drammatica in quella Regione”.
Così il segretario del Pd Nicola Zingaretti. “Ovviamente - aggiunge - rifletteremo molto su questo voto e le scelte da fare, voto certo non aiutato dal caos di polemiche che ha accompagnato la manovra economica del governo. Sicuramente anche se in una situazione difficile è stato giusto metterci la faccia e combattere. Organizzeremo l’opposizione in Consiglio regionale e nella società per contrastare questa deriva”.

Il capo politico M5s non se la passa meglio. Sapeva che in Umbria il suo partito sarebbe stato sconfitto ma non pensava fosse possibile dimezzare in cinque mesi i voti delle elezioni Europee, già a loro volta dimezzati rispetto alle Politiche dell’anno prima. In pochissimo tempo, tra la prima e la seconda proiezione, il capo politico finisce ancora una volta nel mirino dei ribelli. E lui, per uscire dall’angolo, fa scrivere un post a firma M5s per dare la colpa all’alleanza con il Pd sul territorio: “L’esperimento non ha funzionato”, si legge in queste poche righe cariche di preoccupazione.


È evidente che adesso le intese alle prossime regionali in Emilia Romagna e poi in Calabria e Campania sono davvero a rischio.