Conte rassicura: Buon clima di lavoro, i nomi del governo tra martedì e mercoledì"

Il premier incaricato: "definirmi un premier a cinque stelle è inappropriato, ho lavorato bene con il M5s ma non sono iscritto al Movimento"

Giuseppe Conte

Giuseppe Conte

globalist 1 settembre 2019
Il weekend si avvia a conclusione e con esso il clima di incertezza che ha accompagnato la nascita del nuovo governo. Il premier incaricato Giuseppe Conte in diretta da Palazzo Chigi è intervenuto alla Festa del Fatto Quotidiano alla Versiliana: "L'ho dimostrato con i fatti che non sono un premier per tutte le stagioni, quando al Senato è stata ritirata la mozione di sfiducia, quindi concretamente mi è stata proposta una rinnovata stagione, l'ho rifiutata".
In risposta poi a chi ha insinuato in questi giorni che Conte non fosse un premier super partes in quanto troppo vicino ai cinque stelle - ipotesi corroborata anche da un video in cui si vede il premier festeggiare insieme al M5s la notte del 4 marzo 2018 - ha detto: "Definirmi M5s è inappropriato. Bisogna attenersi ad alcuni dati di fatto oggettivi. Io non sono iscritto al M5S, non partecipo alle riunioni del gruppo dirigente politico, non ho mai incontrato i gruppi parlamentari, anzi mi piacerebbe farlo per spiegare il programma. Resta il dato che c'è molta vicinanza, li conosco da tempo, lavoro con il M5S molto bene e il Movimento mi ha designato come ministro". 
Infine, sulla deadline del governo: "Vedo un buon clima di lavoro. Da questo punto di vista sono convinto assolutamente che tutti sono disponibili ad accantonare il passato e a concentrarsi su questo importante progetto che riguarda l'intero Paese. La deadline del governo è tra martedì e mercoledì".