Voto su Rousseau, Bonelli (Verdi): "Di Maio sta scassinando la Costituzione"

Il coordinatore nazionale dei Verdi: "non è ammissibile che un'azienda privata decida cosa deve o non deve fare Mattarella"

Di Maio

Di Maio

globalist 28 agosto 2019
Tutto il ridicolo della pretesa di Di Maio di far votare l'eventuale governo prima su Rousseau viene ben espresso nelle parole di Angelo Bonelli, coordinatore nazionale dei Verdi: "La Costituzione della Repubblica Italiana è sub iudice dalla Srl Casaleggio e associati e l'art. 94 della Costituzione è cosi' modificato: 'Il Governo deve avere la fiducia delle due Camere, preventivamente accordata dalla piattaforma Rousseau'".
"Di Maio- continua l'esponente dei Verdi- sta usando il piede di porco per scassinare la Costituzione della Repubblica italiana mostrando di non avere alcun rispetto per il presidente della Repubblica perché non può essere un'azienda privata proprietaria di un partito a decidere cosa deve o non deve fare Mattarella".
"È stato superato ogni limite ed è ora di dire basta ai capricci e alle ambizioni personali di Di Maio e la Costituzione va difesa, e spero che se ne renda conto chi vuole un governo con chi proprio ieri, come i ministri Toninelli e Trenta, ha confermato di essere culturalmente e politicamente la stessa cosa della Lega di Salvini, firmando l'atto di divieto d'ingresso, transito e sosta della Ong Eleonore che ha salvato 101 migranti dall'annegamento", conclude Bonelli.