Top

Dalla Lega un rozzo attacco a Renzi: "Cacciato dal popolo deve tacere"

La ministra della Famiglia e delle Disabilità, Alessandra Locatelli raplica all'ex premier che si augurava che Salvini fosse rimandato a casa

Il nuovo ministro della Famiglia, Alessandra Locatelli
Il nuovo ministro della Famiglia, Alessandra Locatelli

globalist

26 Agosto 2019 - 15.34


Preroll

Renzi può essere antipatico. E lo è a molti. Ma per contrastarlo servirebbero argomenti e non le solite frasi fatte.
“Una persona che è stata cacciata dal popolo penso non abbia niente altro da dire, se non tacere e starsene in un angolino. Sarebbe meglio”.
A dirlo a Palermo a margine di un incontro con alcune associazioni al Policlinico, è stata la ministra della Famiglia e delle Disabilità, Alessandra Locatelli, replicando a distanza all’ex premier Matteo Renzi per il quale sarebbe “folle” non utilizzare l’occasione della crisi aperta dal leader della Lega, Matteo Salvini, in pieno agosto per mandare a casa i sovranisti. 


OutStream Desktop
Top right Mobile

La Locatelli è colei che da vicesindaco di Como vietava di dare da mangiare ai clochard
C’è però da dire, perché la matematica non è un’opinione, che alle elezioni la Lega di Salvini ha preso meno voti del Pd di Renzi.
E in quanto ad abc della Costituzione – quella carta così ignorata da politici rozzi e sguaiati – la democrazia parlamentare non prevede il silenzio per deputati e senatori dell’opposizione per il solo fatto di non essere al governo e di non aver presumibilmente vinto le elezioni.

Middle placement Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage