Top

Il bikini della Boschi è auto- sessismo? Il dibattito si accende sul web

Tomaso Montanari, professore di Storia dell’Arte, vicino al movimento No Tav, editorialista del Fatto Quotidiano, ha sentito il bisogno di intervenire nella polemica del giorno. Quella da Salvini e l'ex ministra renziana.

L'ex ministra con un'amica
L'ex ministra con un'amica

globalist

19 Agosto 2019 - 14.18


Preroll

Partiamo dall’antefatto. Si tratta di un tweet di Maria Elena Boschi che si è fatta fotografare in spiaggia e in costume da bagno insieme ad alcune sue amiche. Il tutto per rispondere a Matteo Salvini che l’aveva definita ‘mummia‘. L’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio e ministro delle Riforme aveva postato la sua foto in bikini per sottolineare la distanza tra l’insulto ‘mummia’ e la sua giovane età. 
Tomaso Montanari, professore di Storia dell’Arte, vicino al movimento No Tav, editorialista del Fatto Quotidiano, ha sentito il bisogno di intervenire nella polemica del giorno. Quella da Salvini e l’ex ministra renziana: “L’uso politico del corpo delle donne è inaccettabile anche se a farlo è una donna. Con questa foto, Maria Elena Boschi ha legittimato centinaia di vignette e frasi ignobili sul suo corpo. Come dice Kant nessuno può usare la persona come un mezzo invece che un fine, nemmeno la persona stessa..”
A questo punto il dibattito si è acceso sul web. Alcune hanno difeso il tweet della Boschi: “Ammazza quanto patriarcato tutto insieme – ha scritto ad esempio Giulia Blasi, scrittrice, giornalista e conduttrice radiofonica, accanto a tante battaglie femministe -. Il corpo è suo e vi fa quello che vuole, e chi l’attacca per questo non è legittimato. L’idea che debbano essere i maschi a decidere quando e dove e quanto possiamo vestirci o svestirci, quella sì legittima il sessismo, perché è sessismo”. 

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage