Salvini annaspa sul Russiagate e Boldrini attacca: "Su Savoini balbetta, svia e nega"

L'ex presidente della Camera usa l'arla dell'ironia: "Un ministro italiano che non sa chi gli siede a fianco"

Putin e Conte e sullo sfondo il leghista Savoini

Putin e Conte e sullo sfondo il leghista Savoini

globalist 12 luglio 2019
Lui ha scelto il metodo Scajola: non saper, non aver capito e se qualcosa è accaudto è accaduto a suo insaputa: "Su Savoini balbetta, svia, nega, poi le immagini lo smentiscono. Salvini, ormai, non sa come uscirne. La domanda che lo inchioda è: come fa un ministro italiano a non sapere chi siede al suo fianco in un incontro con un ministro russo? Salvini rispondi". Laura Boldrini, deputata LeU, lo scrive su Twitter.
Le accuse di Fratoianni
In un altro articolo abbiamo parlato del metodo Scajola, ossia del famoso ‘a mia insaputa’ quando scoprì che qualcuno gli aveva pagato una parte della casa.
E adesso Salvini sta sulla stessa strada: ossia uno che non sa nulla.
La cosa non è passata inosservata: ''Siamo al ridicolo. Il ministro Salvini dice di non aver invitato Savoini e di non sapere che cosa ci facesse nell' ottobre scorso a Mosca e il 4 luglio a Villa Madama con Putin. Cioè a voi pare plausibile che in un incontro fra vertici di governo, si imbuchi qualcuno senza che sia stato autorizzato e verificato? '' Lo afferma Nicola Fratoianni deputato di Sinistra Italiana.
''Soprattutto se quel qualcuno è da anni nella Lega con compiti rilevanti e di fiducia? E invece Salvini parla di Savoini come di un imbucato a un matrimonio. Ministro, basta chiacchiere: vogliamo la verità su questa losca storia - conclude Fratoianni - E subito''
In alternativa ci si può chiedere: chi dice di voler garantire la sicurezza dell’Italia e degli italiani come può essere credibile se no sa nemmeno chi e perché sia seduto al suo stesso tavolo in occasioni così delicate?