Italia sempre più isolata, la Germania: "dialogo con Salvini non è più pensabile"

Lo ha dichiarato il ministro degli Interni tedesco Seehofer, parecchio irritato a causa dei rapporti tra Salvini e l'estrema destra di Afd

Il Ministro degli Interni tedesco Horst Seehofer e Matteo Salvini

Il Ministro degli Interni tedesco Horst Seehofer e Matteo Salvini

globalist 7 luglio 2019
L'idillio tra Matteo Salvini e il suo corrispettivo tedesco Horst Seehofer un anno fa era totale: addirittura Seehofer benediceva "l'alleanza dei volenterosi", ossia Italia, Germania e Austria, per risolvere la questione migranti in barba agli scafisti e ai trafficanti di esseri umani e chiedeva che i centri per profughi fossero costruiti fuori dai confini della Ue. 
Posizioni molto simili a quelle di Salvini, ma tra i due i rapporti sono tornati a essere tesi quando Seehofer ha mandato una lettera al Viminale con toni che sono stati giudicati provocatori: "Mi appello a lei - ha scritto a Salvini - perché ripensiate il vostro atteggiamento di non voler aprire i porti italiani. In questo momento ci sono due imbarcazioni di ong con a bordo migranti, la Alan Kurdi e Alex. Non possiamo rispondere a quelle navi con a bordo persone salvate facendole navigare per settimane nel mar Mediterraneo solo perché non trovano un porto".
Salvini per tutta risposta ha scritto: "

"Il governo tedesco mi chiede di aprire i porti italiani ai barconi? Assolutamente no. Chiediamo anzi al governo Merkel di ritirare la bandiera tedesca a navi che aiutano trafficanti e scafisti e di rimpatriare i loro cittadini che ignorano le leggi italiane".


 

L'asse Roma-Berlino sembra essere rotto senza possibilità di recupero: il ministro tedesco ha infatti detto che "dopo l'incontro di Salvini con l'Afd - partito dell'estrema destra tedescao - e Marine Le Pen, non sono più possibili intese politiche".