L'appello di Fico ai 5 Stelle: "Cambiamo o sarà troppo tardi"

Intervistato da Repubblica, il presidente della Camera lancia l'allarme:"Torniamo a parlarci o finiremo calpestati".

Roberto Fico

Roberto Fico

globalist 26 giugno 2019

Intervistato in apertura di Repubblica, il presidente della Camera Roberto Fico lancia questo messaggio al M5s. “Non c’è mai stato solo il blog - spiega - ma anche un percorso partecipativo, che è da recuperare perché è diventato più scarno”. Fico fra l’altro parla anche di migranti: “Non penso che chiudere i porti sia una soluzione di governo dell’immigrazione. Servono regole certe, criteri giust” e l’Ue, aggiunge, deve farsene carico.


A proposito del futuro del Movimento, secondo Fico serve “uno spazio dove tutti possiamo parlare del perché non ha funzionato, di cosa si sta sbagliando, di come elaborare la linea politica collegiale, ridefinire i valori, prendere decisioni di volta in volta. Questa è la proposta che ho fatto: spazi che permettano di ragionare insieme e capire la strada percorsa o da percorrere”.


Il presidente della Camera spiega di essere molto dispiaciuto per l’addio al Movimento della senatrice Paola Nugnes:



“Paola è con noi da dodici anni, è una persona onesta, una combattente. Quel che serve oggi non è attaccare chi va via, ma chiedersi perché una persona che ama il Movimento come lei decida che non le sta più bene. La risposta che mi do e che pretendo è proprio quel che dicevo: uno spazio di condivisione dove si possano confrontare tutte le anime di un Movimento multiforme come il nostro”.



Pensa a un organismo decisionale o a un incontro nazionale? “A entrambe le cose. A partire dall’incontro: un momento di scambio intenso, trasparente, franco”. Secondo Fico, “c’è bisogno di parlarci tutti dal vivo [...]. Chiedo a tutti di volare alto: serve visione politica, bisogna trovarla insieme”.


La posta in gioco - conclude l’esponente M5S - è altissima:



“Se non ridefiniamo presto identità e valori, ad esempio mettendo di nuovo al centro i temi ambientali e la visione di futuro, non capiremo mai qual è il limite da non valicare. E finiremo per essere calpestati”.