Calenda all'attacco di Wu Ming: "siete dei fascisti inconsapevoli"

Il capolista Pd nel Nord-Est: "Wu Ming è rappresentante di quella sinistra di simboli e priva di contenuti"; la risposta: "Noi critichiamo i tuoi contenuti che non sono ipotetici ma già messi in pratica"

Calenda e Wu Ming

Calenda e Wu Ming

globalist 21 maggio 2019
Carlo Calenda ha evidentemente tanta voglia di litigare e stavolta se l'è presa con il colletivo di scrittori Wu Ming: teatro dello scontro è stato twitter, dove qualche ora fa il capolista del Pd nel Nord-est ha scritto, indirizzato a Wu Ming: "La mia idea di democrazia è che tutti dovrebbero accettare i confronti. Il modo in cui vi rapportate a chi ha idee diverse dalle vostre vi avvicina a quelli che volete combattere. Il fascismo è prima di tutto intolleranza e violenza verbale. Voi siete fascisti inconsapevoli".
La replica dei Wu Ming è secca e tagliente: "Da diversi giorni, non è chiaro perché, un politico che non stimiamo per niente pietisce un dibattito con noi, che peraltro facciamo gli scrittori. Abbiamo detto che non ce ne frega niente, per questo ci dà dei fascisti. Boh".
Calenda, in seguito, accusa i Wu Ming di fare più attenzione ai simboli e non ha contenuti, mentre Wu Ming ribatte: "Noi critichiamo proprio i suoi contenuti, che non sono ipotetici ma già messi in pratica e verificati quand'era al governo (il governo, tra le altre cose, degli attacchi di Minniti alle ONG e degli accordi per aprire veri e propri lager in Libia) e a Confindustria". A quel punto Calenda aveva lanciato il guanto di sfida: "Facciamo una bella cosa. Leggetevi “Orizzonti selvaggi”. Poi organizziamo un bel dibattito da voi. Attenti che se rifiutate il confronto faccio come con la manifestazione di Salvini".