M5s come Ponzio Pilato sulla Diciotti: decide la folla e non un giudice

Andrea Maestri della segreteria nazionale di Possibile critica i grillini: "Nessuna scelta politica può giustificare un reato"

I "prigionieri " sulla Nave Diciotti

I "prigionieri " sulla Nave Diciotti

globalist 15 febbraio 2019
Siamo al degrado assoluto. Alla non-democrazia mascherata da 'popolo': "Referendum sul codice penale? Quella del Movimento 5 Stelle è una pericolosa follia: non siamo più ai tempi di Pilato che chiede alla folla se graziare Gesù o Barabba. Abbiamo una Costituzione. Siamo in uno Stato di diritto. Se c'è responsabilità penale lo decide un giudice imparziale in un processo, dove l'imputato ha diritto di difendersi in condizioni di parità con l'accusa. Vale per tutti, compreso Salvini".
Lo ha detto Andrea Maestri della segreteria nazionale di Possibile, sulla consultazione online per decidere sull'autorizzazione a procedere per Salvini sul caso-Diciotti. "Non c'è - aggiunge Maestri- scelta politica, né individuale né collettiva che possa giustificare la commissione di un reato. Ed è ancora più grave se a violare la legge è un alto rappresentante delle Istituzioni. Siamo al cospetto di una deriva al contempo oscena e pericolosa".