Top

Diciotti, Pietro Grasso ferma la Giunta: "difesa di Salvini irricevibile"

L'esponente di Leu ferma i lavori della Giunta: "documenti irricevibili da un punto di vista procedurale a causa delle lettere del premier e di Di Maio e Toninelli"

Pietro Grasso
Pietro Grasso

globalist

7 Febbraio 2019 - 11.00


Preroll

Nel giorno della difesa di Salvini in Giunta per il processo sulla Diciotti, scatta immediata la polemica di Pietro Grasso di Liberi e Uguali, che sostiene che la memoria difensiva presentata da Salvini è “irricevibile”: il motivo sarebbe il fatto che, insieme al documento, ci sarebbero anche due allegati a firma del premier Conte e dei ministri Di Maio e Toninelli. 
I documenti, secondo Grasso, “sono irricevibili da un punto di vista procedurale e si impone la trasmissione di questi atti al tribunale dei ministri perché la partecipazone del Governo non era conosciuta al tempo”. Quindi l’esponente Leu ha chiesto l’invio delle carte al tribunale dei ministri. La Giunta ha sospeso i lavori. Tornerà a riunirsi in giornata per valutare la richiesta Leu.
“Sollevando la questione dell’irricevibilita’ delle lettere del governo c’è chi vuole impedire al ministro Matteo Salvini di difendersi”, afferma il capogruppo M5s in giunta autorizzazioni, Michele Giarrusso. 

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage