Top

Tra Laura Boldrini e Leu è rottura totale: progetto senza futuro

L'ex presidente della Camera abbandona il progetto e parte la gara al rinfaccio: ti sei fatta eleggere con noi e adesso?

Laura Boldrini
Laura Boldrini

globalist

19 Novembre 2018 - 20.22


Preroll

La storia d’amore tra laura Boldrini e Liberi e Uguali sembra essere finita: in una lettera aperta il partito di sinistra nato a ridosso delle elezioni del 2013 per ‘ricostruire la sinistra’ accusa l’ex presidente della Camera di aver utilizzato il partito al solo scopo di farsi eleggere: 

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Cara Laura Boldrini, spero che per te il detto ‘mi faccio eleggere, poi chi si è visto si è visto’ oppure ‘le promesse che si fanno ai grulli, poi non si devono mantenere’, almeno per te non valga – si legge nella lettera pubblicata sul sito del Coordinamento dei comitati di LeU e firmata da Dario Liotta – Spero insomma che la nostra comunità, per quanto piccola, sufficiente comunque per farti eleggere, non sia stata intesa solo come un ‘autobus elettorale'”.

Middle placement Mobile

Boldrini si difende smarcandosi: “da indipendente, non ho avuto nessun ruolo dirigenziale in Liberi e Uguali”. Ma le accuse del partito guidato dal ‘collega’ Pietro Grasso, continuano e sfiorano il tradimento: “Sai che alla comunità che ti ha eletto, è stato promesso che, dopo il 4 marzo, avreste tutti lavorato per costruire insieme un soggetto politico della sinistra, c’era scritto anche nel programma che avete presentato agli elettori..”.

Dynamic 1

L’ex numero uno di Montecitorio non ci sta e replica con realismo: “Il risultato del 4 marzo ha sancito una inequivocabile sconfitta del centrosinistra, compresa la lista di LeU che ha superato a stento il 3%. – spiega – Come si poteva pensare di trasformare una sconfitta di quelle dimensioni in un partito? Era un progetto senza futuro”. Il suo impegno resta, assicura, lavorando “per un’area progressista aperta”.

 

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage