Top

Renzi vuole a tutti i costi Minniti alla guida del Pd

Minniti, dopo un ampio consulto portato avanti da alcuni dei «suoi» (gli ex parlamentari Latorre, Passoni e Manciulli) presso sindaci, presidenti di regione e dirigenti del Pd, ha deciso di scendere in campo.

Minniti e Renzi
Minniti e Renzi

globalist

2 Novembre 2018 - 11.24


Preroll

Matteo Renzi ha voluto l’incontro di due giorni, che si aprirà sabato 10 novembre a Salsomaggiore, e che assomiglia tanto a una vera e propria riunione di corrente. La prima che i sostenitori dell’ex segretario fanno in grande stile. E sarà a porte chiuse come racconta sul Corriere.it Maria Teresa Meli. «Lì — dice Andrea Marcucci — decideremo come posizionarci al congresso». Il che vorrà dire che verrà ufficializzato l’appoggio dei renziani (sebbene non di tutti) alla candidatura di Minniti. Sempre che l’ex ministro dell’Interno l’abbia già formalizzata. A qualche amico ha detto che non lo farà il 6 novembre, giorno della presentazione del suo libro, «Sicurezza è liberta».

OutStream Desktop
Top right Mobile

Comunque Minniti, dopo un ampio consulto portato avanti da alcuni dei «suoi» (gli ex parlamentari Latorre, Passoni e Manciulli) presso sindaci, presidenti di regione e dirigenti del Pd, ha deciso di scendere in campo. L’ufficializzazione della sua candidatura sarà preceduta da un nuovo appello di amministratori locali del partito. Se Renzi dentro il Pd si muove lungo questa traiettoria, continua comunque anche il lavoro all’esterno. Con i «comitati di azione civile». In una settimana ne sono sorti 220. È il sito «Ritorno al futuro» che raccoglie tutti questi comitati. La sede centrale, cui spetta il compito di coordinarli, è a Milano.

Middle placement Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage