Conte kamikaze: 'Escludo modifiche alla manovra del popolo'

"Nel percorso in Parlamento "potremmo valutare qualche intervento ma è stata costruita in termini integrali e pensare di modificare qualcosa di significativo lo escluderei"

Conte

Conte

globalist 12 ottobre 2018

"La manovra è stata elaborata, meditata e studiata", nel percorso in Parlamento "potremmo valutare qualche intervento ma è stata costruita in termini integrali e pensare di modificare qualcosa di significativo lo escluderei". Lo ha detto il premier Giuseppe Conte da Addis Abbeba, rispondendo a una domanda sulla manovra.
L'Italia è determinata "a proseguire sul sentiero della riduzione del rapporto debito/Pil": è la rassicurazione del ministro dell'Economia e delle Finanze Giovanni Tria data al segretario al Tesoro Usa Steven Mnuchin, incontrato questa mattina in un bilaterale a Bali, a margine dei lavori delle assemblee annuali di Fmi/Banca mondiale. Tria, si legge in una nota del Tesoro, "ha illustrato lo spirito e i contenuti della manovra di bilancio per il 2019, mirata al rafforzamento della crescita economica italiana".
Tria, continua la nota, "ha confermato l'intenzione di continuare il dialogo costruttivo con la Commissione europea e i Paesi membri dell'eurozona". Il ministro, giunto a Bali ieri sera, ha infine ribadito agli Stati Uniti "la volontà di avere un ruolo attivo e positivo nel processo di rafforzamento dell'euro e dell'Unione europea". Mnuchin, secondo quanto si apprende, ha auspicato il ritorno alla "situazione precedente" di stabilità, a quella che risultava prima dell'annuncio della manovra. L'invito, insomma, è ad abbassare i toni nella considerazione che l'Italia sia un partner importante nell'euro e in 'Europa. Gli Usa, infine, sono per la stabilità e non hanno alcun interesse, rispetto a recenti rumor di stampa, a destabilizzare l'area dell'euro attraverso l'Italia.