Conte attacca sul caso Diciotti: "La brutta figura l'ha fatta l'Europa"

L'informativa del premier al Senato: "senza l'intervento della nave della Guardia Costiera ci sarebbero stati molti morti. Le operazioni di sbarco spettavano a Malta". Nessuna parola su Salvini

Giuseppe Conte

Giuseppe Conte

globalist 12 settembre 2018

L'Italia non è più disponibile ad accogliere indiscriminatamente i migranti e l'Europa si deve dotare di un meccanismo stabile per la gestione delle fasi di sbarco, redistribuzione, rimpatrio. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte nella sua informativa al Senato sulla vicenda della nave Diciotti. Nessuna parola invece sul comportamento del vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini e sull'avviso di garanzia per sequestro di persona.
Conte ha affermato che senza l'intervento della nave della Guardia Costiera molti dei migranti soccorsi sarebbero morti ed ha sottolineato che le operazioni di sbarco dei migranti in quel caso "permanevano in capo alla responsabilità di Malta".
"Quello che è cambiato rispetto al passato - ha affermato Conte al Senato - è che l'Italia non è più disponibile ad accogliere indiscriminatamente i migranti, contribuendo seppure involontariamente a incrementare il traffico di esseri umani e supplendo alla responsabilità che spetta all'Unione europea, ottundendo il vincolo di solidarietà che grava su ciascuno Stato membro".
"Senza l'intervento concreto e diretto della Diciotti - ha proseguito il presidente del consiglio - molti dei migranti soccorsi sarebbero morti. Nei giorni in cui la nave è stata ormeggiata nel porto di Catania è stata costantemente assicurata ogni necessaria assistenza ai migranti".
"Il 25 agosto - ha proseguito Conte - è stato comunque autorizzato lo sbarco dei migranti nel porto di Catania. L'operazione è stata conclusa senza alcuna criticità nella notte tra il 25 e il 26 agosto con il loro trasferimento presso l'hot-spot di Messina. Tutti i migranti al momento dello sbarco hanno manifestato intenzione di richiedere la protezione internazionale".
"La vicenda Diciotti - ha aggiunto ancora Conte - non è stata una bella pagina per l'Europa: che ha perso l'occasione per dare concretezza a quei principi di solidarietà e responsabilità che vengono costantemente evocati come valori fondamentali dell'ordinamento europeo. Le operazioni di sbarco dei migranti soccorsi dalla nave della Guardia Costiera ad avviso delle Autorità italiane permanevano in capo alla responsabilità di Malta".