Top

Così i troll del Russiagate attaccarono Mattarella dopo il no a Savona

Lo rivela il Corriere. Nella notte fra il 27 e 28 maggio scorso migliaia di profili Twitter iniziarono a bombardare la Rete con la stessa parola d'ordine: #MattarellaDimettiti

Savona e Mattarella
Savona e Mattarella

globalist

3 Agosto 2018 - 06.56


Preroll

Ci sarebbero le ‘firme’ del Russiagate dietro gli attacchi lanciati via web contro Mattarella nella notte fra il 27 e 28 maggio scorso, subito dopo il no del capo dello Stato alla designazione di Paolo Savona alla carica di ministro dell’Economia. È quanto rivela il Corriere della Sera in apertura di prima pagina.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Il quotidiano di Via Solferino ricorda come quella notte migliaia di profili Twitter cominciarono improvvisamente a bombardare la Rete con la stessa parola d’ordine: #MattarellaDimettiti, dopo che Luigi Di Maio aveva appena chiesto la messa in stato d’accusa del presidente della Repubblica.Oggi il Corriere rivela: “in quel momento un dettaglio sfuggiva a tutti: almeno una ventina di profili Twitter coinvolti nella campagna digitale contro il capo dello Stato avevano una storia controversa. Probabilmente anche più di venti. Nel passato recente quei profili su Twitter, che appartengono a italiani del tutto ignari, erano stati usati una o più volte dalla Internet Research Agency (Ira) di San Pietroburgo per far filtrare nel nostro Paese la propria propaganda a favore dei partiti populisti, dei sovranisti e degli anti-europei.

Middle placement Mobile

Gli stessi account – prosegue il Corriere – che fino a poco più di un anno prima erano stati rilanciati, fatti balzare e a volte sollecitati a intervenire sulla rete da parte di agenti russi sotto copertura, adesso stavano attaccando Mattarella”.

Dynamic 1

 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile