Top

No vax, no aborto, 'Itler il nazista' e la relazione tra caldo e Pil: auguri Italia

Chi sono le donne e gli uomini scelti da Di Maio e Salvini per governare il Paese. Tra le eccezioni positive il ministro della cultura, Bonisolo, M5s, e Moavero Milanesi agli Esteri

Il tavolo del Consiglio dei Ministri a Palazzo Chigi
Il tavolo del Consiglio dei Ministri a Palazzo Chigi

globalist

31 Maggio 2018 - 18.53


Preroll

I curricula in breve dei ministri del governo Di Maio- Salvini 

OutStream Desktop
Top right Mobile

 

Middle placement Mobile

Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro (M5s): Ha trascorso la sua gioventù a Riese Pio X, un paese della provincia di Treviso. Dopo il diploma, si è iscritto all’Università di Trento presso la facoltà di giurisprudenza e nel 2011 si è laureato in diritto internazionale dell’ambiente. Ha lavorato come dipendente di una società elettrica. Nel 2010 ha fondato il meetup di Trento. Tra le sue perle: alla notizia che Giorgio Napolitano aveva accettato di ricandidarsi, l’esponente del Movimento 5 Stelle scrisse: “Oggi è il 20 aprile, giorno in cui nacque Itler. Sarà un caso, ma oggi muore la democrazia in Italia”.
Politiche comunitarie: Paolo Savona il più antieuropeista di tutti

Dynamic 1

Pubblica amministrazione: Giulia Bongiorno (Lega).Celebre avvocato, eletta senatrice con la Lega, nel triennio 2008-2011 ha contrastato in commissione Giustizia le leggi ad personam volute dal leader di Forza Italia, all’epoca premier. Celebre per aver difeso Giulio Andreotti, insieme ai principi del foro Franco Coppi e Gioacchino Sbacchi, nel processo per mafia dal 1993 al 2004, Bongiorno ha assistito anche molti “vip” in complicati procedimenti penali di carattere tributario.
Affari regionali: Erika Stefani (Lega). Prima è stata candidata come indipendente in una lista civica per il comune di Trissino, in provincia di Vicenza, con la quale viene eletta nel 1999. Alle elezioni comunali del 2009, però, si è presentata come candidata del Carroccio, è stata eletta e ha ricoperto le cariche di vicesindaca e assessora all’Urbanistica e all’edilizia privata. La ‘svolta’ politica è arrivata nel 2013, quando è stata eletta senatrice con la coalizione di centrodestra alle elezioni politiche. Successo ripetuto anche il 4 marzo 2018.
Sud: Barbara Lezzi (M5S). Diplomata nel 1991 presso l’istituto tecnico Deledda per periti aziendali e corrispondenti in lingue estere di Lecce, viene assunta dal gennaio 1992 presso un’azienda del settore commercio con la qualifica di impiegata di III livello.Nel 2013 viene eletta senatrice della XVII legislatura della Repubblica Italiana nella circoscrizione Puglia per il Movimento 5 Stelle, vicepresidente commissione permanente bilancio e programmazione economica e membro commissione permanente per le politiche europee. Sarà riconfermata nel 2018. Tra le sue perle: “Il Pil cresce per colpa del caldo”.
Disabili: Lorenzo Fontana (Lega) 38 anni, vicesindaco di Verona, vicesegretario federale della Lega e vicepresidente della Camera dei deputati, cattolico, contrario all’aborto, ha scritto di recente un libro di allarme sul declino demografico dell’Italia, insieme all’ex presidente dello Ior
Esteri: Moavero Milanesi. Alter ego giuridico di Mario Monti, nel cui governo è stato ministro senza portafoglio per gli Affari europei (esperienza poi replicata con Enrico Letta a Palazzo Chigi). Romano, 64 anni, avvocato, sposato e padre di tre figli, Enzo Moavero Milanesi. Si dice che la prima volta che ha messo piede da ministro nel nuovo ufficio abbia rifiutato una scrivania che sarebbe appartenuta a Benito Mussolini. «Sono antifascita, non la voglio», avrebbe spiegato in quella circostanza. Moavero Milanesi è diretto discendente dei Bocconi. 
Giustizia: Alfonso Bonafede (M5S) Siciliano ma con studio legale a Firenze, sponsor di Giuseppe Conte, deputato, avvocato no-Tav, che a Firenze sbarcò negli anni Novanta dalla Sicilia per studiare Giurisprudenza (è stato, per l’appunto, cultore della materia in Diritto privato, la cattedra di Conte). Ha prestato assistenza sociale alla sindaca Virginia Raggi.
Difesa: Elisabetta Trenta (M5S) Docente universitaria ed esperta di sicurezza e intelligence, Elisabetta Trenta, 51 anni il prossimo 4 giugno, grado di capitano della riserva selezionata dell’Esercito,milita nel Movimento 5 stelle dal 2013. Attualmente insegna all’Università Link Campus dove è responsabile dei progetti speciali, coordina il master in Intelligence e sicurezza di cui è vice direttore, ed è consigliere scientifico del master sui fondi strutturali. Tra le altre attività, è stata anche ricercatrice in materia di sicurezza e difesa presso il Centro Militare di Studi Strategici. Nel suo curriculum c’è anche la presidenza del consorzio Criss (Consortium for research on intelligence and security services), creato da Gianpiero Spinelli, quello che arruolò i quattro italiani rapiti in Iraq, vicenda segnata dall’uccisione di Fabrizio Quattrocchi.
Economia: Giovanni Tria Qui la sua scheda pubblicata da Globalist
Politiche agricole: Gian Marco Centinaio (Lega) Ha cominciato come consigliere comunale nel Carroccio a 19 anni ma nel 2013 ha lasciato il partito per entrare nella meteora Gal, Grandiautonomie e libertà. Solo per due mesi. Con Salvini condivide le battaglie per castrazione chimica, rimpatrio degli irregolari, legittima difesa, no allo Ius soli
Infrastrutture: Mauro Coltorti (M5S) Ha 63 anni ed è professore ordinario di Geomorfologia e Geomorfologia Applicata, Dipartimento Scienze Fisiche, della Terra e dell’ambiente all’Università di Siena. Si è occupato dello studio dei fenomeni in grado di generare pericolosità e rischi geologici in ampi settori della penisola italiana (Toscana, Abruzzo, Alto Adige, Basilicata, Campania, Lazio, Molise, Sardegna, Umbria).
Istruzione: Marco Bussetti (Lega) Professore di educazione fisica, vicino ai Lions, in quota Lega. E stato professore di legislazione scolastica per l’Università Cattolica di Milano e di Pavia.
Beni culturali: Alberto Bonisoli (M5S): Classe 1961, mantovano, esperto nel settore dell’alta formazione e del design, sviluppatore di progetti internazionali, arriva dal mondo del contemporaneo, della ricerca, del management e della progettazione. Si tratta del Direttore della NABA, la celebre Accademia di Belle Arti privata, che a Milano fa una serrata concorrenza a Brera:
Salute: Giulia Grillo (M5S). Siciliana, classe 1975, laurea in Medicina e Chirurgia – conseguita nel 1999 con il massimo dei voti – oltre ad una specializzazione in Medicina legale datata 2003. Medico legale, specializzata in bioetica e in valutazioni del danno alla persona, Giulia Grillo potrebbe rivedere quanto fatto dalla Lorenzin in tema di vaccinazioni obbligatorie.Infatti, pur dichiarandosi favorevole ai vaccini, Giulia Grillo in passato ha posto più di qualche dubbio sulle nuove regole introdotte dalla Lorenzin; secondo quella che potrebbe essere la nuova Ministra dell’Istruzione, infatti, “riconoscere l’importanza delle vaccinazioni e poi obbligare le persone a farli sembra essere una contraddizione”.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile