L’esordio di Roberto Fico: valore della Costituzione e lotta al nazi-fascismo

Il presidente della Camera ha ricordato subito le vere fondamenta della Repubblica nata dalla Resistenza: bene

Roberto Fico

Roberto Fico

globalist 24 marzo 2018

Un discorso molto interessante che è partito dai valori fondanti della Repubblica: il presidente Mattarella è "il garante degli equilibri e dei valori costituzionali, valori che per essere affermati nella nostra Costituzione hanno richiesto il sacrifico di tanti uomini e tante donne nella lotta al nazi-fascismo“.
"Le decisioni finali devono maturare solo e soltanto nelle commissioni e nell'Aula, non consentirò scorciatoie né forzature nel dibattito parlamentare". Così il nuovo presidente della Camera Roberto Fico, nel suo discorso.
"Il taglio ai costi della politica - ha aggiunto - è uno dei principali obiettivi della legislatura: razionalizzare costi della Camera senza tagliare i costi della democrazia, qualcosa è stato fatto, tantissimo resta da fare".
"Impronterò il mio mandato a tre principi: garantire un alto livello della discussione parlamentare, garantire tutte le componenti di maggioranza e opposizione, interpretare lo spirito del cambiamento delle ultime elezioni".
La stretta di mano con Laura Boldrini
Dopo il discorso di insediamento di Roberto Fico come presidente della Camera, Laura Boldrini, presidente uscente, sala sullo scranno più alto di Montecitorio per salutarlo e fargli le congratulazioni. I due si abbracciano e si lasciano con una stretta di mano. All'inizio del suo discorso l'esponente M5s, aveva rivolto il suo saluto a Boldrini che "mi ha preceduto in questo importante incarico", ha sottolineato. Fico ha anche rivolto un saluto alla neo-eletta presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati e al presidente della Corte costituzionale.


Il discorso integrale