Top

Salvini mette le mani avanti: "non vorrei ci fosse un accordo Gentiloni-Di Maio"

Il leader della Lega dopo la proroga di un anno dei vertici dei servizi: "potrebbe essere l'anticamera di un'intesa M5s-Pd a partire dalle poltrone per arrivare al governo"

Matteo Salvini
Matteo Salvini

globalist

7 Marzo 2018 - 14.53


Preroll

Dopo il successo elettorale il leader della Lega Matteo Salvini teme un accordo M5s-Pd. Ne ha parlato in una nota diffusa dopo la proroga di un anno dei vertici dei servizi.
“Incredibile – ha detto Salvini – che dopo un voto che ha cambiato gli equilibri e il volto del Paese, cacciato ministri, ci sia un governo delegittimato che mette mano a rinnovi di incarichi importanti e non urgenti come quelli dei Servizi. Che vergogna. E mi insospettisce il silenzio dei 5 stelle: non vorrei ci fosse un accordo Gentiloni-Di Maio dietro l’angolo a partire dalle poltrone per arrivare al governo”.
“C’è qualcuno – ha aggiunto il segretario della Lega – che rinnova cariche come se nulla fosse per una cosa di cui non si ravvisano urgenze. Non vorrei che ci fossero altri ragionamenti dietro, non vorrei sia questa l’anticamera di un accordo Pd-M5s, visto il silenzio degli stessi pentastellati”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

 

Middle placement Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile