Top

Flop dei fascisti, ma comunque in 400mila hanno votato CasaPound e Forza Nuova

L'estrema destra non entra in Parlamento. Di Stefano: "colpa della tv"

CasaPound
CasaPound

globalist

5 Marzo 2018 - 11.32


Preroll

I fascisti del terzo millennio molto lontani dalla soglia di sbarramento. CasaPound e Forza Nuova non superano il tre per cento, anzi, si fermano molto prima. Sommando i voti ricevuti dai due partiti di estrema destra non si arriva all’1,5%: le tartarughe frecciate di Simone Di Stefano allo 0,9 % (280mila voti) mentre la lista Italia agli Italiani di Roberto Fiore si attesta allo 0,3% (119mila voti). 
Ancora nessun commento da Forza Nuova mentre CasaPound ha ammesso la sconfitta con polemica. “Abbiamo perso, ha detto il leader Simone Di Stefano, perché siamo stati poco in televisione”. Il contrario di quanto affermava qualche giorno fa. “Tre per cento? Se continuiamo così, aveva detto Di Stefano alla vigilia del voto, e fino al 4 marzo si parla solo di CasaPound il risultato lo possiamo anche triplicare, possiamo fare molto più. Siamo felicissimi di avere una controparte che ci fa questa pubblicità. In qualunque trasmissione televisiva stanno parlando di CasaPound, non ci fanno parlare ma per noi non è un problema perché la gente si informa da sola e stiamo crescendo a dismisura».
Infine un commento sulla Lega. “Ha vinto solo perché il messaggio di Salvini è stato più propagandato del nostro. Vedremo cosa faranno ora in Parlamento”.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage