D'Alema esulta: adesso con Grasso il 10% è più vicino

L'ex premier commenta: 'Pietro Grasso è un uomo di sinistra capace di una straordinaria empatia, una persona autentica rispetto ai tanti politici costruiti in laboratorio'. Vendola: ci siamo ritrovati

Massimo D'Alema

Massimo D'Alema

globalist 3 dicembre 2017

"Sei stato bravissimo, parole molto autentiche". Così Massimo D'Alema ha salutato Pietro Grasso, appena terminato il suo intervento. Quindi, rispondendo ai cronisti ha osservato che dopo il successo di oggi "l'obiettivo del 10% è più vicino". Ai militanti che gli chiedevano un giudizio sulla giornata, ha aggiunto, sorridendo, "ottimo e abbondante". E a chi domandavase avrà un ruolo particolare nel nuovo partito, l'ex premier si è schermito: "non devo ritagliarmi nessun ruolo, darò una mano a tutti... Pietro Grasso è un uomo che è capace di una straordinaria empatia perché è un uomo di sinistra, è una persona autentica rispetto ai tanti politici costruiti in laboratorio e questa è una grande forza per milioni di italiani".


 


Raggiante anche Nichi Vendola: "Una giornata splendida, la festa della sinistra che ritrova il suo popolo e si separa da ogni ipocrisia e da ogni complicità con chi usa parole di sinistra per coprire cose di destra. Una sinistra che con Pietro Grasso si offre all'Italia non come una ridotta minoritaria ma come una grande credibile speranza di cambiamento".