Top

L'accusa di Grasso: non mi riconosco più nel Pd, il Rosatellum una violenza

Il presidente del Senato spiega l'addio ai dem: non ne condivido più né il merito né il metodo

<picture> Pietro Grasso </picture>
Pietro Grasso

globalist

27 Ottobre 2017


Preroll

Un atto d’accusa durissimmo contro la deriva renziana e di un Partito Democratico diventato qualcosa di molto diverso da quello arrivato in Parlamento dopo aver scritto il programma dell’allora segretario Bersani, che poi è stato pezzo dopo pezzo cancellato e, per alcuni versi, capovolto.
Lui, già magistrato e uomo delle istituzioni poco incline a spettacolarizzare le sue posizioni, ha masticato amaro a lungo. Poi ha capito che, almeno fino a quando ci sarà Renzi, non potrà essere parte del Partito Democratico.
“Per tutta la mia vita ho sempre rispettato le istituzioni e l’indipendenza delle istituzioni e continuerò a farlo. Posso rassicuare tutti. Continuerò il mio io ruolo di presidente del Senato”. Lo ha affermato il presidente del Senato Pietro Grasso, spiegando ai giornalisti a palazzo Giuistiniani le ragioni delle sue dimissioni dal partito democratico
“E’ stata – ha sottolineato- una scelta molto sofferta. Ho ritenuto di lasciare il Pd perché non mi riconosco più in quel partito in cui ero entrato: non ne condivido più né il merito né il metodo. Ho voluto aspettare l’esame della legge elettorale per rispetto del mio ruolo istituzionale che mi imponeva di mettere da parte i miei convincimenti e sentimenti personali e rispettare il mio ruolo. Questo è stato fatto. E per questo ho annunciato la mia decisione dopo e non prima la legge elettorale”.
Ha aggiunto Grasso: l’approvazione della riforma della legge elettorale grazie al voto di fiducia chiesto dal governo “senza la possibilità che un ramo del Parlamento possa discuterne nemmeno una virgola, è stato un atto di violenza che ho voluto rappresentare”. “Una decisione – ha evidenziato Grasso – che ho comunicato in anticipo a tutte le alte cariche istituzionali perché non volevo lo venissero a sapere da agenzie di stampa o televisioni”.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage