Dietrofront di Zaia: niente moratoria di due anni sui vaccini

Dopo le polemiche e la presa di posizione di Forza Italia contro la decisione dell'esponente leghista.

Il presidente leghista del Veneto Zaia

Il presidente leghista del Veneto Zaia

globalist 7 settembre 2017

Dopo la decisione controversa, ma accompagnata da dichiarazioni che ribadivan ola scelta della Regione, il presidente della Giunta regionale del Veneto, Luca Zaia, ha reso notooggi  di avere sospeso il decreto con il quale aveva dichiarato una moratoria di due anni nell'applicazione delle norme sui vaccini emanate dal Ministero della Sanità,.

Un dietro-front di cui ancora non si conoscono me motivazioni ufficiali, ma che stride ad esempio con l'endorsement fatto appena ieri, nei confronti di Zaia, dal segretario delle Laga, Matteo Salvini, che aveva etichettato come ''bolsceviche'' le norme in materia vaccinale emesse dal Ministero.
Ieri peralto il presidente leghista del Veneto aveva dovuto prendere atto della presa di di distanza di Forza Italia che, con i capigruppo di Senato e Camera, Romani e Brunetta, lo aveva invitato a ritirare il decreto per la moratoria.
Il ministro Lorenzin da parte sua ha espresso, in una dichiarazione, ''soddisfazione'' per la decisione della Regione Veneto di ''allinearsi alla normativa nazionale".