Top

Critica il decreto Minniti sui migranti: denunciato per vilipendio

Sul caso monta la polemica politica: "Il governo risponda alle interrogazioni"

Critica il decreto Minniti: denunciato per vilipendio
Critica il decreto Minniti: denunciato per vilipendio

Desk

13 Luglio 2017 - 13.30


Preroll

Criticare pubblicamente l’operato di un ministro può configurare il reato di ‘vilipendio della Repubblica, delle Istituzioni costituzionali e – nel caso specifico – delle Forze Armate’. È capitato a un giovane avvocato che, il 20 giugno scorso, dal palco di una manifestazione per i diritti umani e i migranti promossa da Amnesty a Roma, aveva espresso evidenti perplessità sul decreto Minniti sui migranti. A darne notizia, bollando la denuncia piovuta addosso all’avvocato come “inverosimile”, la capogruppo dei senatori di Sinistra Italiana Loredana De Petris e il capogruppo dei deputati di Sinistra Italiana – Possibile Giulio Marcon.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“È inaccettabile – hanno commentato i capigruppo parlamentari di SI e Possibile – l’azione degli esponenti delle forze di polizia che il mese scorso identificarono e cercarono di intimidire il giovane avvocato in piazza del Pantheon. Ed è ancora più ingiustificabile la successiva iniziativa assunta. Ora siamo davvero curiosi di sapere cosa ne pensano i responsabili politici del Viminale e vedremo anche come andrà nella aule di giustizia, perché con i diritti sanciti dalla nostra Costituzione non si scherza”.

Middle placement Mobile

“A questo punto, però – hanno concluso Marcon e De Petris – il governo risponda subito alle interrogazioni presentate da Sinistra Italiana – Possibile 20 giorni fa in Parlamento, perché vogliamo sapere le motivazioni di questo ultimo atto e se gli operatori di polizia responsabili allora di quella prevaricazione siano stati o no oggetto di ispezione per un’iniziativa ingiustificata e inaccettabile nel nostro Paese”.

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile