Il dirigente di Fdi invoca Hitler: leggi razziali contro 'negri" e islamici

Il seguace della Meloni: siamo un popolo bue, colpa della Costituzione scritta dai maiali partigiani

Le leggi razziali alla base dell'Olocausto

Le leggi razziali alla base dell'Olocausto

globalist 17 luglio 2016

Gratta gratta il fascista esce sempre. Del resto se ci sono politici che nel 2016 ancora pensano di intitolare vie ad Almirante o vogliono introdurre il bozzarro reato di fondamentalismo islamico, ci possiamo aspettare di tutto.

E infati: solo un nuovo manifesto di Verona contro islamici e negri ci può salvare. Nuove leggi razziali e tutela della cristianità: ecco cosa dovremmo fare. Ma gli italiani popolo bue non lo faranno anche per colpa della nostra schifosa costituzione scritta dai maiali partigiani". Sono le parole scritte sul proprio profilo Facebook da Francesco Minutillo, segretario ravennate di Fratelli d'Italia che nei giorni scorsi ha pubblicato un post, poi rimosso.
 Ma del suo post ha parlato in un'intervista al programma radiofonico La Zanzara e in una a il Resto del Carlino di Forli, dove ha invocato la chiusura delle moschee, il controllo di tutti i musulmani e citato più volte Hitler.
Le sue posizioni hanno provocato numerose condanne. Fra le altre quelle del deputato Pd Andrea De Maria, che e' stato sindaco di Marzabotto. "A Minutillo dico una cosa sola: vergogna. Ai cittadini italiani dico che il fondamentalismo si combatte nel modo esattamente opposto. Difendendo i valori di liberta', democrazia, rispetto dei diritti umani della Costituzione e della Resistenza".