Top

Il sindaco Pd di Predappio: 'basta vendere gadget del fascismo'

Frassineti ha anche ribadito che oltre a una legge che vieti statuine con la faccia del Duce, calendari e magliette: i ‘nostalgici’ si combattono con la cultura.

I gadget del Fascismo
I gadget del Fascismo

Desk2

16 Gennaio 2016 - 17.51


Preroll

Giorgio Frassineti, sindaco di Predappio al secondo mandato, del Pd, commenta la proposta di legge depositata alla Camera dal deputato dem Emanuele Fiano per rendere illegali i gadget del fascismo.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Io posso capire chi si sente offeso dai gadget sul fascismo o su Mussolini, quindi se si vuole fare una legge che li vieti ben venga, ma deve essere accompagnata da un investimento sulla cultura e da una diversa e maggiore attenzione nei confronti della storia, altrimenti il rischio è che non venga capita, o peggio, che venga interpretata come una legge di parte, fatta per cancellare una parte della storia italiana. E noi invece, dobbiamo fare i conti con la storia”.

Middle placement Mobile

Stop dunque a statuine con la faccia del Duce, a calendari e magliette con foto e slogan del Fascismo che puntuali compaiono nei mercatini di tutta Italia? “Io sono sindaco del paese di Mussolini, credo che la storia vada affrontata in modo rigoroso e Predappio potrebbe essere il posto giusto per studiare la storia del ‘900. I ‘nostalgici’ del Duce si combattono con la cultura – conclude il sindaco di Predappio – per questo stiamo cercando di trovare le risorse per realizzare un centro studi nella Casa del Fascio, perché il Ventennio ha fatto parte dell’Italia e la storia non può essere banalizzata”.

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile