Top

Gli allegri viaggi dei deputati siciliani con moglie a seguito

La Guardia di Finanza sta passando a raggi x i libri contabili dei gruppi politici della Regione Sicilia. Troppi viaggi, pochi giustificativi. [di Tancredi Omodei]

<picture> Gli allegri viaggi dei deputati siciliani con moglie a seguito </picture>

Redazione

19 Ottobre 2012


Preroll
di Tancredi Omodei

Un facile sondaggio sui desideri non avrebbe difficoltà a raccogliere il maggior numero di adesioni al piacere di viaggiare. Ma viaggiare costa, e il più delle volte chi conta i soldi in tasca è costretto a rinunciarci. Rinuncia alla quale non hanno dovuto sottoporsi i parlamentari regionali siciliani. Dai controlli in corso da parte della Guardia di Finanza nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Palermo sulle spese dei Gruppi parlamentari, un capitolo interessante, infatti, è quello dei viaggi. Politici in viaggio con le mogli e prelievi in contanti con approssimative giustificazioni. Dalle prime indiscrezioni è emerso che le pezze d’appoggio sono poche e qualche volta proprio non ci sono. E’emersa anche l’abitudine dei parlamentari di usare denaro contante. In un caso c’è un prelievo di 50 mila euro in una sola volta. I controlli sono iniziati affrontando i conti dei Gruppi parlamentari più numerosi, Pdl e Pd, poi si passerà agli altri. Ai raggi x la contabilità: sui viaggi la Guardia di Finanza ha trovato semplici e generici pezzi di carta con un timbro. In molti casi, i viaggi di deputati sono con moglie al seguito.

OutStream Desktop
Top right Mobile

L’inchiesta, in Sicilia come in altre regioni, non é facile perché i conti correnti sono intestati ai capigruppo, una sorta di amministratore unico che determina a suo piacimento le uscite. Le entrate si conoscono, sono soldi pubblici. Incerta è l’uscita, o meglio la motivazione delle uscite, non sempre per motivi istituzionali e riconducibili solo a persone istituzionalmente rilevanti. Troppe “first lady”. Per il passato vigeva la regola che ogni quattro mesi bisognava mostrare la certificazione delle spese. Solo dal marzo di quest’anno un foglio di carta e un generico timbro non sono più sufficienti. Per questo, non sarà facile ricostruire quanto si è consumato prima del marzo 2012.

Middle placement Mobile

Ma le fiamme gialle non si scoraggiano, esaminano tutto quello che trovano nei libri contabili e, come dei restauratori, ricostruiscono i tasselli mancanti del mosaico. Spulciando, spulciando cose interessanti si trovano, delineano un quadro leggibile e vanno all’esame del magistrato.

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage