Quali saranno (secondo Gimbe) le conseguenze dalla quarta ondata di contagi sugli ospedali?

La fondazione prevede un incremento abbastanza sostenuto, ma a preoccupare sono gli oltre 2 milioni di over 60 non vaccinati.

Gimbe

Gimbe

globalist 19 luglio 2021
Parla Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, intervenendo ai microfoni della trasmissione 'L'Italia s'è desta" su Radio Cusano Campus: "È ragionevolmente certo che i numeri dei contagi aumenteranno nelle prossime settimane, perché la variante Delta è più contagiosa di quella Alfa e sappiamo che entro fine agosto diventerà prevalente. Non avremo però un grande impatto sugli ospedali perché abbiamo una rilevante quota di popolazione vaccinata". 

"Per quanto riguarda i nuovi contagi - ha precisato Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe - stiamo vedendo un incremento abbastanza sostenuto, in linea con quanto avvenuto prima in altri Paesi europei. Ovvio però che l'impatto della malattia sugli ospedali sarà inversamente proporzionale alla quota di over 60 vaccinati, ce ne sono oltre 2 milioni non vaccinati. Ma attenzione anche gli over 50, perché nell'ultimo mese le ospedalizzazioni riguardano in maniera importante anche quella fascia d'età".

"Sulle forniture di vaccini del terzo trimestre abbiamo una situazione anomala, in teoria dovremmo ricevere oltre 94 milioni di dosi, però vanno tolte le 6 milioni di Curevac non autorizzato e 26 milioni di Astrazeneca e 15 milioni di J&J che noi non stiamo utilizzando. È verosimile che questi vaccini in Italia non arrivino mai, quindi ne avremo circa 45 milioni di dosi di Pfizer e Moderna. Rispetto ai numeri iniziali quindi avremo un numero quasi dimezzato" ha spiegato Nino Cartabellotta

"In questo momento - ha aggiunto - i vaccini li stiamo utilizzando quasi esclusivamente per le seconde dosi e il numero di persone che possono fare le seconde dosi è basso. Quindi per la quantità di vaccini che stiamo ricevendo possiamo prevalentemente completare le seconde dosi. Al momento facciamo meno di 100mila prime dosi al giorno".

"La nostra posizione ufficiale è che va preso in considerazione per i grandi eventi: stadi, concerti, ecc Diventa sempre più difficile il suo utilizzo per assembramenti più piccoli perché non abbiamo un'equità di accesso al vaccino" ha sottolineato il presidente della Fondazione Gimbe.

"Ci sono vari aspetti di tipo giuridico e sociale da considerare. Però è una strada da prendere in considerazione - ha osservato - perché in una campagna vaccinale di massa si può fare la prenotazione volontaria, la chiamata attiva, la spinta gentile ovvero il Green pass e poi l'ultima strategia è rappresentata dall'obbligo. In questo momento la strategia del Green pass è una di quelle che si possono prendere in considerazione, verosimilmente non per tutte le applicazioni perché se uno deve esibire il pass per andare al bar e al ristorante - ha concluso - è doveroso che siano vaccinati coloro che in quei locali ci lavorano".