Misiani (Pd) attacca Fontana: "Se non siete in grado di vaccinare subentri lo Stato"

Il vice-ministro dell'Economia critica la regione Lombardia: "Una gestione della sanità catastrofica, hanno già fallito con la vaccinazione anti-influenzale"

Il vice ministro dell'Economia, Antonio Misiani

Il vice ministro dell'Economia, Antonio Misiani

globalist 5 gennaio 2021
Incapaci loro, altro che gli altri: se la Lombardia, "che aveva già combinato disastri con la vaccinazione anti influenzale, non è in grado di attuare quella contro il Coronavirus, è giusto che subentri lo Stato esercitando i poteri sostitutivi. Perché la salute dei lombardi è troppo importante per continuare a lasciarla in mano a chi ha fallito".
Parole dure del vice ministro dell'Economia, Antonio Misiani, ricordando che la Lombardia è quart'ultima in Italia come quota di vaccini somministrati in rapporto alle dosi consegnate.
 "Il presidente Fontana può fare tutti i rimpasti di Giunta possibili e immaginabili. L'assessore Gallera è perfetto, come capro espiatorio. Avrebbe dovuto dimettersi da mesi. Lo farà adesso, su richiesta del presidente Fontana e con il via libera decisivo del suo dante causa: Matteo Salvini", sottolinea Misiani.
"Ma il problema è nel manico: una gestione della sanità lombarda catastrofica, una classe politica che in Regione comanda ininterrottamente da più di vent'anni e che si è dimostrata per l'ennesima volta incapace di ammettere i propri errori e men che meno di porvi rimedio. Il programma di somministrazione dei vaccini è vitale per uscire dall'emergenza Covid-19. A maggior ragione lo è in Lombardia, che detiene il tragico primato per numero di decessi", conclude.