Da Locatelli (Css) un bagno di realtà: "La riapertura dei campi da sci esporrebbe l'Italia ad una nuova ondata"

Il Presidente del Css: "I numeri attuali non rendono compatibile una ipotesi di riapertura perché vorrebbe dire esporre tutto il paese a una ripresa della curva epidemica"

Il presidente del Consiglio superiore di sanità Locatelli

Il presidente del Consiglio superiore di sanità Locatelli

globalist 24 novembre 2020
Franco Locatelli, Presidente del Consiglio Superiore di sanità, riguardo la polemica sulla chiusura delle attività sciistiche ha dichiarato: "Nessuno sottovaluta l'impatto di una chiusura delle attività sciistiche, però i numeri attuali non rendono compatibile una ipotesi di riapertura perché vorrebbe dire esporre tutto il paese a una ripresa della curva epidemica e avere una concertazione europea è assolutamente fondamentale". 
"A fronte del dato dei morti, che deve richiamare di andare avanti nella strategia presa, 12,31% è il rapporto tamponi-casi, il numero degli accessi alle terapie intensive è 6 a fronte di 120 di una settimana fa, e quello dei ricoveri è 120 in area medica contro 528 di una settimana fa. Quindi gli indicatori vanno nella direzione sperata", ha detto Locatelli.