Assurdità, durante la didattica online un genitore contesta l'interrogazione del figlio

Il capitolo valutazione è il più spinoso della didattica a distanza, fa perdere il sonno a Dirigenti Scolastici e docenti

Didattica Online

Didattica Online

globalist 26 marzo 2020

Quando anche la valutazione delle verifiche nella didattica a distanza viene contestata. Potrebbe sembrare surreale, ma il racconto è pervenuto alla redazione di OrizzonteScuola.



Premessa: il capitolo valutazione è il più spinoso della didattica a distanza, fa perdere il sonno a Dirigenti Scolastici e docenti che cercano la quadra ad una situazione che sfugge a quei parametri pensati per una didattica “tradizionale”.


Il Ministero ha affrontato la tematica nella nota del 18 marzo


“Se l’alunno non è subito informato che ha sbagliato, – si legge nella nota – cosa ha sbagliato e perché ha sbagliato, la valutazione si trasforma in un rito sanzionatorio, che nulla ha a che fare con la didattica, qualsiasi sia la forma nella quale è esercitata. Ma la valutazione ha sempre anche un ruolo di valorizzazione, di indicazione di procedere con approfondimenti, con recuperi, consolidamenti, ricerche, in una ottica di personalizzazione che responsabilizza gli allievi, a maggior ragione in una situazione come questa”.


Naturalmente ogni decisione in merito deve essere collegiale.


Quindi ci sono occasioni in cui, anche durante la didattica a distanza, il docente assegna alla verifica una valutazione.


E se questa avviene in diretta – come avvenuto nel caso a noi segnalato – può accadere che  il voto sia contestato in diretta dal genitore, che ha assistito alla verifica (fin qui nulla di male) ma che si arroga il diritto di comprendere più e meglio del docente  come valutare il figlio.