Dopo la Lombardia i medici di Emergency vanno sul 'fronte' coronavirus anche a Piacenza

La firma dell'accordo verrà siglata nei prossimi giorni tra la presidente dell'Ong Rossella Miccio e il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini.

Emergency

Emergency

globalist 23 marzo 2020

Ricordate gli insulti della destra xenofoba? Loro, gli amici dei clandestini e perfino gli amici dei terroristi.
Poi nel momento del bisogno anche la Lombardia a guida leghista ha capito che l'organizzazione fondata da Gino Strada era una risorsa e non un problema.
E adesso i medici di Emergency arriveranno nell'ospedale di Piacenza, uno dei territori più colpiti dal Covid-19, per supportare l'attività di "compartimentazione", per evitare che pazienti positivi al virus possano entrare i contatti con i pazienti degli altri pazienti.


La firma dell'accordo verrà siglata nei prossimi giorni tra la presidente dell'Ong Rossella Miccio e il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini.
"Stiamo formalizzando con una serie di Ong protocolli di lavoro comune negli ospedali dell'Emilia-Romagna - ha annunciato il commissario per l'emergenza, Sergio Venturi -. Gino Strada ci ha già dato disponibilità una decina di giorni fa". Il personale di Emergency che sta rientrando da alcuni paesi in guerra, verrà impiegato in "attività di supporto sulla compartimentazione degli ospedali" per "impedire che negli ospedali si mescolino pazienti positivi e pazienti normali". Questa collaborazione "sicuramente partirà da Piacenza".
"Altre Ong sono state - ha aggiunto Venturi - contattate. E' un impegno comune". Per questa prima collaborazione "il presidente Bonaccini e la presidente di Emergency sigleranno un accordo nei prossimi giorni".