Zaia, toppa peggio del buco: "Chiedo scusa ma sono stati visti cinesi mangiare topi..."

Il governatore dopo le polemiche sulla scarsa igiene dei cinesi: "Sono usanze loro che io non discuto. Ma con questo non voglio mettere in discussione le buone relazioni"

Luca Zaia

Luca Zaia

globalist 28 febbraio 2020
Domanda facile facile: se uno ti insulto, ma ti insulta di brutto poi ti può chiedere scusa aggiungendo: se qualcuno si è sentito offeso?
Ma come se si è sentito offeso? Ti ho dato del terrone, del frocio, del negro di merda e poi aggiungi: “scusa se ti sei sentito offeso”
E così il nuovo Tafazzi della politica, dopo essersi inimicato i turisti più sospirati da albergatori e ristoratori perché spesso non badano a spese (ossia i cinesi) ha messo una toppa incredibile: "Chiedo scusa se qualcuno si è sentito offeso". 
Così Luca Zaia, presidente del Veneto, dopo le polemiche su una sua frase sui cinesi che mangerebbero i topi. Topi vivi.
"Sono stati visti - ha detto Zaia ad Antenna3 -, sono usanze loro che io non discuto. Ma con questo non voglio mettere in discussione le buone relazioni che io stesso ho con la comunità cinese".
Zaia ha ricordato di aver inaugurato lui stesso il primo ristorante cinese nel Trevigiano, "perché - spiega - usava prodotti locali e cucinava a vista".