A Milano spuntano le panchine arcobaleno per dire basta all'omofobia

Eʼ un'iniziativa in sostegno alla comunità Lgbt e a tutte le vittime di violenza in ragione del loro orientamento sessuale e del loro genere

Panchine arcobaleno

Panchine arcobaleno

globalist 19 febbraio 2020
Dieci panchine di dieci quartieri di Milano diventeranno color arcobaleno per dire basta all'omotransfobia. "E' un’iniziativa in sostegno alla comunità Lgbt e a tutte le vittime di violenza in ragione del loro orientamento sessuale e del loro genere", spiegano i promotori, che collaborano con il Coordinamento Arcobaleno.

I lavori partiranno il 15 marzo per poi concludersi con un grande evento il 17 maggio, che è la Giornata contro l’omotransfobia. I quartieri che vedranno colorare le panchine delle tinte dell'arcobaleno sono: CityLife, QT8, Trenno, San Leonardo, Lampugnano, Piazza Firenze e Gerusalemme, Villapizzone, Quarto Oggiaro e Piazza Chiesa. Per la realizzazione del progetto il Municipio 8 ha messo a disposizione mille euro.


"Abbiamo notato che a Milano mancavano quasi del tutto le panchine arcobaleno, così abbiamo pensato di rimediare dipingendone un numero consistente, per ricordare ai cittadini le vittime di violenza verbale e fisica soltanto per il loro genere e orientamento sessuale", ha spiegato Giulia Pelucchi, vicepresidente del Municipio 8.