Marco Degli Angeli (M5s) citofona alla sede della Lega: "Dove sono i 49 milioni?"

Il consigliere regionale del M5s: "Ovviamente è una provocazione, ma non mi risulta che Salvini abbia citofonato a tangentisti, camorristi e partiti che hanno incassato soldi illeciti"

Marco Degli Angeli

Marco Degli Angeli

globalist 22 gennaio 2020
Il consigliere regionale in Lombardia del M5s Marco Degli Angeli si è presentato oggi a Via Bellerio 41 a Milano, sede della Lega, e ha citofonato chiedendo conto dei 49 milioni di euro che il Carroccio ha incassato illegalmente tra il 2008 e il 2010.
"Ovviamente si è trattato di una provocazione" ha detto Degli Angeli, "perché non si risolvono i problemi degli italiani suonando ai citofoni. Mi aspettavo però che mi aprissero: avrei sollecitato il partito a fare massima chiarezza su questa vicenda che ha danneggiato tutti i cittadini". 
E aggiunge: "È chiaro però che Salvini non può permettersi di dare lezioni di morale e giustizia a nessuno e non può trasformare le piazze in tribunali. Non mi risulta che da ministro dell'Interno Salvini sia stato così proattivo nel suonare il campanello a tangentisti, camorristi o a partiti che hanno incassato illecitamente rimborsi elettorali".