Salvini glissa su Ferrara e strepita su Bibbiano (secondo copione)

Nel 'papello' dimenticato dal leghista durante la riunione era spiegato chiaramente che la Lega non avrebbe parlato di Emilia Romagna ma solo di immigrati e del caso dei bambini

Salvini sui social insiste su Bibbiano

Salvini sui social insiste su Bibbiano

globalist 17 gennaio 2020

Nel famoso ‘papellò’ dimenticato dal leghista che aveva partecipato all’incontro con Capitan Nutella era stati scritto chiaramente: bastonare su Bibbiano e ovviamente insistere sui migranti.
E il copione fascio-leghista va avanti, tanto è chiara l’intenzione della destra estrema di buttarla sulla rissa.


Ovviamente facendo finta di non vedere la vergogna di Ferrara, dove i leghisti promettevano posti di lavoro alla consigliera 'dissidente' perché si togliesse dai 'coglioni' e dove il vice-sindaco (condannato) spiegava che i suoi social sono gestiti da sei persone e che bisogna usare sempre toni alti sennò si perdono voti.
E Salvini sui social ha attaccato: "Su Bibbiano, nel silenzio di molti giornali, emergono dettagli agghiaccianti. La giustizia faccia in fretta, di certo con la Lega al governo dell'Emilia-Romagna nessun insabbiamento sarà possibile. Per chi si fosse macchiato di questi crimini verso i bimbi e le loro famiglie solo una parola: lazzaroni!".