Bonaccini su Bibbiano: "Basta processi sommari e calunniare le persone sul web"

Così il presidente della Regione Emilia-Romagna sulla sentenza che ha revocato l'obbligo di dimora al sindaco di Bibbiano: "Non si calunniano o strumentalizzano le persone in questo modo"

Stefano Bonaccini

Stefano Bonaccini

globalist 4 dicembre 2019
La Cassazione ha revocato ieri sera l'obbligo di dimora nei confronti di Andrea Carletti, sindaco di Bibbiano. Il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini ha dichiarato: "Non commento le decisioni della magistratura, è senz'altro una buona notizia per Andrea Carletti e per la comunità di Bibbiano".
"Non dovrebbe essere il compito di nessuno fare processi sommari sul web, calunniare le persone e strumentalizzare i più piccoli - attacca Bonaccini - ma capisco che questo, oggi, è chiedere troppo". 
"Il mio compito non è commentare le decisioni della magistratura ma, come in questo caso, adottare verifiche e introdurre eventuali correttivi di carattere generale che rafforzino le garanzie e le tutele a favore dei minori. Ed è esattamente quello che stiamo facendo in Emilia-Romagna" conclude.