Estrema destra contro Patronaggio: "Va ai convegni di una struttura eversiva"

Un convegno dell'Asgi con il procuratore di Agrigento finisce sotto gli strali di un sito sovranista che accusa le Toghe rosse: "Siamo in presenza di una struttura eversiva che mette a rischio la democrazia".

Il procuratore di Agrigento Patronaggio

Il procuratore di Agrigento Patronaggio

globalist 10 novembre 2019
Dopo migranti e Ong chi sono gli altri principali ‘nemici’ della destra fascio-sovranista? Sono quei magistrati che non fanno provvedimenti o emettono sentenze gradite all’estrema destra.
I migranti vanno vessati in ogni forma, se chi contrasta l’immigrazione viola le leggi penali italiane e il diritto internazionale non deve andare incontro ad alcuna obiezione perché rappresenta il ‘popolo’.
Uno straniero scarcerato è un attentato alla Patria, un politico (di destra) sotto inchiesta per reati amministrativi è un segno della Giustizia che se la prende con le persone perbene mentre non fa nulla contro la sedicente invasione dei migranti che, come dicono, sono solo terroristi, spacciatori e stupratori.
Così in un sito tutto anti-islam e anti-migranti (e anti-sinistra) ma indicativo degli umori di quella area se la prende con il procuratore di Agrigento Patronaggio (inviso perché sulle Ong non fa quello che vuole l’estrema destra) definito un magistrato in combutta con le ‘toghe rosse’ che avrebbe addirittura ‘ordinato’ porti aperti.
Così viene scritto su Voxnews: “Si ritrovano al convegno ’La frontiera del diritto e il diritto della frontiera, organizzato a Lampedusa da AreaDG e dall’Asgi, l’associazione finanziata da Soros che si occupa di presentare ricorsi legali a favore degli immigrati in casi come il bonus bebè, reddito di cittadinanza e altri sostegni economici che sarebbero rivolti agli italiani.
Poi, casualmente, Asgi presenta questi ricorsi nei tribunali dove i magistrati sono gli stessi del convegno. O della medesima area.
E ancora casualmente, questi ricorsi vengono sempre accolti.
Siamo in presenza di una struttura eversiva che mette a rischio la democrazia. In democrazia non esistono blocchi di potere ideologico tra politica, magistratura e associazioni varie che portano avanti una politica antitetica a quella votata dagli elettori.
Se il prossimo governo eletto non smantellerà questi grumi di resistenza oligarchica e antidemocratica, non potrà dare seguito alla volontà popolare”.
Parole durissime. Con accuse che, forse, sono da querela perché definire un’associazione che fa convegni e dibatte un’associazione eversiva che mette a rischio la democrazia è un po’ troppo. Le associazione eversive che mettono a rischio la democrazie sono i gruppi terroristici e i vari gruppi e gruppetti fascisti che imperversano in lungo e in largo.
Ps: il titolo è: “Le toghe rosse si riuniscono per Patronaggio e ordinano: ora volgiamo porti aperti”.
Poi capite perché non vogliono la commissione Segre?