Ecco la classifica dei migliori istituti superiori d'Italia

Da Milano a Roma, da Torino a Napoli, lʼatlante delle "eccellenze", elaborato dalla Fondazione Agnelli

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

globalist 7 novembre 2019
Per guidare le famiglie nel delicato passaggio dei figli dalla terza media alle superiori, torna Eduscopio, l'atlante online delle migliori e peggiori scuole italiane, pensato dalla Fondazione Agnelli. Ma come misurare la qualità di una scuola? Tra la scelta in base al rendimento dei ragazzi alla maturità e quelli dei test Invalsi, la Fondazione ha preferito un terzo criterio: la performance degli studenti al primo anno di università, in base al numero degli esami sostenuti e alla media dei voti conseguiti.

Per gli istituti tecnici esiste anche una seconda classifica, basata sugli sbocchi lavorativi: tasso di occupazione e coerenza fra studi fatti e lavoro trovato. Dall'anno scorso si è poi aggiunto anche un altro indicatore, quello dei diplomati che hanno compiuto il percorso scolastico senza mai incorrere in una bocciatura. Se la percentuale è alta, la scuola è inclusiva. Se è bassa, la scuola è selettiva. Dato questo molto importante perché, come spiega il direttore della Fondazione Andrea Gavosto: "Non è vero che gli istituti più selettivi siano anche quelli che preparano meglio all'università e al lavoro". Il gruppo di lavoro ha analizzato i dati di circa 1..255.000 diplomati, in tre successivi anni scolastici, dal 2013 al 2016, in circa 7.300 indirizzi nelle superiori statali e paritarie.


Per il secondo anno consecutivo la palma di liceo migliore d'Italia va allo scientifico delle scienze applicate Pier Luigi Nervi di Morbegno, Sondrio. Tra Milano e provincia spicca il classico paritario Alexis Carrel e lo scientifico Alessandro Volta, mentre il Francesco Viganò  ha  il primato del miglior istituto tecnico. A Roma emergono il Torquato Tasso, l'Augusto Righi e tra i tecnici il Bachelet. Se ci spostiamo a Torino, ci sono il Cavour e il Galileo Ferraris, mentre per il miglior sbocco lavorativo c'è il Carlo Ignazio Giulio. A Bologna invece ci sono il Mighetti e il Copernico. Per lo sbocco professionale, si distingue il Manfredi. Dante Alighieri, Niccolò Machiavelli e Galileo Galilei sono il top di Firenze. Spostandosi al sud, a Napoli primeggiano il Sannazaro e il Convitto Vittorio Emanuele II. Il Diderot offre invece le opportunità di lavoro più interessanti.