Secondo incendio in un anno a La Pecora Elettrica, la solidarietà del mondo politico

Anche la sindaca Virginia Raggi ha preso parola su quanto avvenuto.

Virginia Raggi

Virginia Raggi

globalist 6 novembre 2019
"Ancora un attentato di chiara matrice fascista alla Pecora Elettrica. Esprimiamo vicinanza e solidarietà per l’incendio appiccato alla libreria di Centocelle, luogo di incontro sociale e scambio culturale. Chiediamo che sia fatta luce sull’accaduto e identificati i responsabili. Chi dà fuoco alla cultura brucia non solo i libri ma riduce in cenere anche il rispetto, la libertà e i diritti dei cittadini romani". Così, in una nota, il gruppo Pd al Campidoglio. Solidarietà anche da parte della consigliera regionale Marta Bonafoni: "Hanno aspettato che fosse di nuovo piena di libri ed hanno colpito. È chiaro che la zona è sotto le attenzioni della criminalità, come dimostra anche l'incendio doloso del locale di fronte, meno di venti giorni fa. Ora serve una reazione delle istituzioni, assieme ai cittadini, per dare un segnale forte: la città non si arrende. Siete dei maledetti".
Raggi: "Episodio inquietante, si faccia chiarezza"
Anche la sindaca Virginia Raggi ha preso parola su quanto avvenuto. "Inquietante l'ennesimo rogo alla libreria la Pecora Elettrica a Roma. Se fosse confermato l'atto doloso sarebbe estremamente grave. Vicina ai proprietari, si faccia subito chiarezza".