La preside vieta domande su Regeni all'ambasciatore egiziano, la denuncia di LeU

Lo riporta Nicola Fratoianni: "Sono certo che l'ufficio scolastico regionale e il Miur chiariranno ogni aspetto e garantiranno la libertà di espressione"

Giulio Regeni

Giulio Regeni

globalist 28 ottobre 2019
Nei prossimi giorni, il liceo Macomer in Sardegna ospiterà l'ambasciatore egiziano per un incontro con gli studenti. Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana-LeU ha denunciato il fatto che "la dirigente scolastica avrebbe imposto l'obbligo di conoscere in anticipo le domande degli studenti e il divieto di porre domande sul caso dell'omicidio di Giulio Regeni". 
"A quanto pare però poi è stato lo stesso diplomatico a rendersi disponibile a rispondere a qualunque domanda dopo che è scoppiata la polemica.” ha continuato Fratoianni. 
"Rimane comunque aperta una questione: nella scuola italiana del 2019  può avere cittadinanza la censura?”
"Sono certo che l’ufficio scolastico regionale e il Miur - prosegue il parlamentare di Leu, membro della commissione cultura di Montecitorio - chiariranno ogni aspetto, garantiranno la libertà di espressione, prenderanno se necessario dei provvedimenti". 
"Sarebbe comunque auspicabile a questo punto che quell’istituto - conclude Fratoianni - si facesse promotore di un incontro  con i genitori di Giulio Regeni e con i loro legali , impegnati da troppo tempo  in una battaglia di dignità per la verità e la
giustizia".