Il vice-sindaco leghista di Ferrara con la ruspa nel campo rom sgomberato

Nicola Lodi è pure segretario comunale del Carroccio e si è fatto un video nel quale si vede che abbatte le case. Propaganda meschina

Salvini e Nicola Lodi

Salvini e Nicola Lodi

globalist 2 ottobre 2019

Alla fine i loro metodi poco urbani prevalgono sempre. E così la civile Ferrara oggi potrà essere fiera di aver dato il via libera alle ‘ruspe’ che altro non sono che il segno della barbarie politica.

"A chi continuava a dire che non sarebbero entrate le ruspe nel campo, oggi sono entrate".
Cosi' il vicesindaco di Ferrara e assessore comunale alla sicurezza Nicola Lodi in un video sulla sua pagina Facebook commenta la conclusione dello sgombero del campo nomadi di etnia sinti della città, uno dei cavalli di battaglia della campagna elettorale del neo eletto sindaco leghista Alan Fabbri.
A salire sulla ruspa, oggi, come gesto simbolico, lo stesso vicesindaco Lodi, che è pure segretario comunale del Carroccio.


Un personaggio che nella sua pagina Facebook ha bene in alto una scritta che recita 'a calci in culo' e l'immagine di una ruspa. Il che denota la cifra umana, etica, culturale e politica di questo signore
Il campo di via delle Bonifiche era occupato da circa trent'anni da una comunità e il primo agosto, per motivi di sicurezza e salute pubblica, è stato oggetto di un'ordinanza contingibile e urgente di sgombero da parte del sindaco.
Le famiglie coinvolte sono dieci, una quarantina di persone, tutti residenti a Ferrara, tra cui diversi bimbi, anziani, disabili e anche bambini con disabilità e sono state spostate in altre zone della città o in frazioni del Ferrarese.
A parte un nucleo familiare che ha preferito spostarsi in autonomia, tutte le altre famiglie sono state trasferite col supporto del Comune e col coinvolgimento dei capifamiglia, anche per cercare soluzioni che non impattassero, ad esempio, sulla frequentazione scolastica dei bimbi.
Lo sgombero si è concluso in due mesi, il primo ottobre. Oggi, a campo vuoto e con le liberatorie firmate dai proprietari delle casette, l'intervento con l'escavatore che ha cominciato le operazioni di pulizia e bonifica dell'area.