L'Enel fa un imperdonabile errore: invia i dati di una donna al suo stalker

La donna aveva lasciato la Puglia per ricostruirsi una vita a Torino. Dopo 5 anni, per un errore, all’uomo sono stati comunicati tutti i dati della vittima

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

globalist 11 settembre 2019


Lo stalker è riuscito a trovarla. In modo estremamente semplice: con una email che avrebbe ricevuto da Enel, in cui gli venivano comunicati tutti i dati di Grazia: nuovo indirizzo di casa, cellulare e mail. Eppure Grazia, terrorizzata dall’ essere rintracciata dall’ex con cui aveva convissuto prima del 2015 a Bari, si era premurata di mantenere riservata la propria privacy. Arrivando a nascondersi sia nella vita reale, cambiando spesso il numero di telefono, sia in quella virtuale, cancellando il proprio profilo Facebook, costantemente bersagliato dal persecutore. Nessuna precauzione, alla fine, è però servita.



Lo stalker di Grazia è il suo ex fidanzato, un uomo con cui la donna si era lasciata nel febbraio del 2015, ma che da quel momento non l’aveva più lasciata libera di trascorrere la sua vita. La inseguiva con appostamenti, la minacciava, tanto che il questore di Bari aveva deciso di emettere un provvedimento di ammonimento nei confronti dell’uomo, che però aveva continuato a violare la privacy di Grazia. Dopo averlo denunciato più volte, la donna alla fine si era trovata costretta a trasferirsi in una nuova città, Torino. Qui la vittima aveva trovato un posto di lavoro ed un compagno con cui vivere.


E proprio per vivere la sua esistenza finalmente “normale” Grazia un giorno contatta l’Enel per avviare a fornitura del gas nel nuovo alloggio e scoprendo dall’operatore che l’Enel aveva ancora in memoria i dati relativi alla residenza di Bari, gli chiede di cancellarli. Il giorno dopo la telefonata però la sorpresa: 



La mattina del giorno successivo, Grazia riceve due telefonate da un numero anonimo. Era da un po’ di tempo che non le capitava più. L’ansia ripiomba nella sua vita. Sa che è lui. Il giorno dopo, il fatto si ripete: altre chiamate, messaggi su WhatsApp da un numero sconosciuto: “Ciao, sei Grazia? Sono l’amante del tuo fidanzato”. Lo stalker è tornato. E cerca di tenderle una trappola. Le manda un messaggio con scritto: “Eni luce e gas comunica che l’appuntamento per la nuova fornitura si terrà il giorno”.



Grazia sa che si tratta del suo stalker e così chiama un’operatrice dell’Enel che l’aiuta a capire che il suo ex ha ricevuto per errore una comunicazione dell’azienda della fornitura elettrica con il suo nuovo indirizzo di casa e il suo cellulare. La donna allora interviene, come racconta il Corriere:



“Ho mandato subito una mail chiedendo la rimozione immediata dei miei dati e dichiarando ad Enel che è responsabile di un errore gravissimo”. Ormai però il danno era fatto.



Grazia ha presentato una denuncia in questura, venerdì scorso, in cui ha raccontato tutti i particolari della vicenda e si è detta pronta ad agire legalmente. Ma niente potrà riportare alla donna la (quasi) ritrovata serenità. 



“Lui è tornato a minacciare mia sorella e io ho paura”





L’Enel, in una nota, esprime solidarietà alla donna e assicura di aver avviato delle verifiche: 





“Enel Energia, appresa la vicenda a mezzo stampa, esprime la propria vicinanza alla signora e informa che sta già svolgendo verifiche sui fatti segnalati, al fine dell’adozione delle più opportune iniziative tenendo conto della esigenze di riservatezza connesse alla delicatezza della vicenda”.