Bolsonaro caccia il dirigente che aveva denunciato lo scempio dell'Amazzonia

Il fascista Bolsonaro mette alla porta Ricardo Galvao e lo diffama col solito metodo: "lavorava per una Ong straniera"

Ricardo Galvão

Ricardo Galvão

globalist 2 agosto 2019
Il direttore dell'Istituto nazionale per le ricerche spaziali brasiliani (Inpe) verrà dimeso dall'incarico in seguito a delle dichiarazioni che hanno provocato l'ira del presidente Bolsonaro. Galvao ha incontrato il ministro della scienza, Marcos Pontes, il cui dicastero coordina le attività dell'Inpe. 
Bolsonaro e il suo ministro dell'Ambiente, Ricardo Salles, hanno detto che i dati raccolti dall'Inpe sulla deforestazione in Amazzonia, attraverso un sistema di monitoraggio della società Deter, sono inaffidabili, e il presidente ha accusato Galvao di "agire al servizio di una Ong straniera" per averli diffusi.
Il responsabile della Inpe, da parte sua, ha risposto che il capo di Stato "ci dice che le informazioni dell'Inpe non sono corrette, come se fosse in qualche modo qualificato per analizzare questi dati".
Galvao ha anche detto che nel suo incontro con il ministro Pontes "non ho dovuto difendere nulla", perché Pontes "concorda totalmente con i dati dell'Inpe e sa come sono prodotti", giacché "è una persona con un'alta formazione tecnica, un ingegnere".