Ragazzo picchiato dai fascisti, le accuse di Zingaretti: "Basta con l'odio di Salvini"

Il segretario del Pd commenta l'aggressione a Frosinone di un ragazzo che indossava la maglietta del Cinema America

Il Cinema America a Roma

Il Cinema America a Roma

globalist 28 luglio 2019

"Un altro ragazzo picchiato perché portava una maglietta del Cinema America. Un`associazione di ragazze e ragazzi che fa cultura nei quartieri della Capitale. Smettiamola con un Ministro degli Interni che diffonde l'odio".

Lo afferma il segretario del Pd, Nicola Zingaretti con un post su Facebook.


"Vengano immediatamente arrestati gli aggressori. Sia garantita la sicurezza a tutti. Si rafforzino le forze dell'ordine pilastro della nostra democrazia che invece sono senza contratto di lavoro da oltre 200 giorni. All'alleanza dell'odio - conclude - contrapponiamo l'alleanza delle persone perbene che credono in un futuro di sviluppo e solidarietà".
Fratoianni, Sinistra Italiana
"Ieri sera a Frosinone è stato picchiato un ragazzo di 33 anni, perché indossava la maglietta del Cinema America. Gli aggressori vigliacchi sono esponenti dell'estrema destra".
Lo scrive su Facebook Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana, postando di nuovo una sua foto con la maglietta dell'associazione dei giovani di Trastevere. "Riutilizzo questa foto - prosegue l'esponente della sinistra - perché sia chiaro da che parte stiamo. Ora ci aspettiamo che nelle prossime gli squadristi responsabili dell'aggressione siano individuati".
"Intanto una domanda al governo e alle autorità - conclude Fratoianni - cosa aspettano a mettere fuori legge queste organizzazioni neofasciste? Vogliono che ci scappi il morto?".